Aerei Low Cost? No quelli cadono

Personalmente non mi fido, quando volo voglio una compagnia di bandiera, ma è la mia personale opinione.

Infatti, che sia un Low Cost oppure una blasonatissima compagnia super gettonata, i controlli sono gli stessi.

C’è però (come sempre) da fare dei termini di paragoni. Un conto è il controllo ENAC. L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, e un conto è il controllo da parte di quei paesi non certo super industrializzati.

Il problema è li. Si tratta infatti di aerei stranieri in cui i controlli potrebbero essere meno affidabili e che si ritrovano a fare scalo sui nostri aeroporti.

No, io quelli non li prenderei mai, anche se hanno un costo di 30 euro.

Ogni tanto si accende la tv che ci avverte che un aereo si è schiantato, poi fanno il nome della compagnia, e al 99,9% non è controllata dall’enac.

Quindi, low cost si, se direttamente controllata da “NOI” Low Cost No se è al di fuori della zona “sicurezza”

Poi può anche capitare (rarissimamente) come l’ultima disgrazia della compagnia francese (ma si sospetta attentato)

Quindi per dirla in breve, il problema non è il low cost ma il vettore straniero, o per meglio dire l’affidabilità dell’ente incaricato dei controlli di sicurezza nel paese di provenienza del vettore.

Allora? Nessuna paura?

Se siete come me, potreste prima di partire, dare un’occhiata  agli elenchi delle compagnie aeree che non hanno superato le ispezioni e sono state colpite da divieti di operare sugli aeroporti europei.

Non prendevo voli low cost, perché mi ponevo sempre delle domande. Come riescono a fare quei prezzi?

E’ uso comune pensare (e anche io lo pensavo) che riescono ad abbassare i prezzi grazie al fatto che non controllano l’aereo, che non fanno manutenzione, e quindi costa meno, a danno della sicurezza.

Non è così, e se anche voi come me pensavate questo, devo deludervi. Almeno per la zona euro, compreso Gran Bretagna e altri c’è il controllo ENAC. LEnte Nazionale per l’Aviazione Civile.

L’ente preposta non guarda se la compagnia applica dei voli a basso costo, la sicurezza e i (appunto) i controlli, sono uguali per tutti.

E allora come riescono a fare dei prezzi stracciati? Le Low Cost hanno di solito aerei nuovi, di ultima generazione, che non necessitano di grandi sforzi di manutenzione.

Per secondo operano spesso in aeroporti “secondari” magari lontani da un comodo taxi per andare in centro.

Più posti disponibili, per esempio 180 piuttosto che i classici 150 (Airbus 320)

Si compra on-line con internet, si stampa il biglietto da soli, e chi ci  “timbra il cartellino” sono le stesse persone che poi montano con te sull’aereo. Fanno tutto da soli.

Ti attendono per il check-in, ti attendono per l’imbarco, poi sbaraccano tutto e rimontano in aereo con te, e li, fanno anche le hostess.

Per dirla in maniera più consona: gli assistenti di volo svolgono anche altre funzioni compresa l’assistenza a terra e qualche volta persino la pulizia degli aerei.

Hai capito Saverio? Ecco perché si spende meno, e da oggi, sotto con i low-cost

Tutto in uno direi, il prezzo è migliore, ma la paura che ci siamo sbagliati, resta !

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Subscribe without commenting