Spread a 515 – dobbiamo ritirare i nostri soldi dalle banche ?

Spred a 515 – dobbiamo ritirare i nostri soldi dalle banche ?

Si, certo ! …… e per metterli dove ?

Immaginiamo una scena. La persona entra in banca per togliere tutti i suoi 100.000 euro risparmiati da una vita, dopo una settimana gli fanno un assegno circolare e la persona mette l’assegno in tasca e torna a casa.

E adesso ?

Dove lo metto l’assegno ? Lo muro in casa ? Lo porto all’estero ? apro un conto in svizzera ? Mi faranno passare alla frontiera ? Senza considerare che non si può, e senza considerare che la persona che ritira dalla banca tale cifra dopo 30 secondi c’è la segnalazione, e dopo 2 ore avrà la guardia di finanza sotto casa a chiedergli dopo porterà tale somma.

Altro scenario:

L’uomo / La donna in questione entra in banca e dice al cassiere di fare un bonifico in svizzera, il cassiere esegue l’ordine, e la persona dovrà pagarci le tasse per esportazione estera. ( così è la legge per i capitali trasferiti all’estero )

Ancora uno scenario divertente

La persona entra in banca e chiede i suoi 100.000 euro in contanti, dopo 7 giorni riesce ad ottenere il SUO denaro e torna a casa con una valigia piena di euri.

E dopo?

Che cosa ci fa con 100.000 euro in contanti in casa ? Li Mura ? Li mette sotto il materasso ? cerca di attraverare la frontiera con la bauliera della macchina piena di soldi ?

Quarto e giusto ultimo scenario

La persona va in banca e chiede semplicemente di convertire i 100.000 euro in sterline, franchi svizzeri, e altre monete.

Bisogna smetterla con questo panico generalizzato. Se l’Italia fallisce non perderete il vostro denaro risparmiato, sarà semplicemente convertito in altra moneta.

Sarebbe stupido togliere i soldi dalla banca in euro, tenerli in casa, e poi dobbiamo andare a cambiarli in altra moneta riportandoli in banca. (di Nuovo)

Ma via ragazzi, su…

Per sapere i danni che otterrebbe l’Italia e tutti gli altri paesi della comunità europea se uscissimo dall’euro, ecco un articolo davvero da leggere.

CLICCATE QUI

Matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Subscribe without commenting