Mettiamo in Fuorigioco Mattia Sartori (Aringa dell’emilia)

Ci giunge in redazione (tramite modulo) decine di messaggi indignati di brutto dove ci “pregano” di fare un articolo sull’aringa “MATTIA SARTORI”.

Oltre ai messaggi, è un pò di tempo che siamo tempestati di e-mail su mattia sartori e le sardine, con altrettante notizie sull’acciuga, ma che non possiamo pubblicare per privacy. sorry ragazzi!

Però, ecco un sunto di ciò che possiamo scrivere dell’aringhina Mattia Santori.

Laura ci dice che (testuali parole) Mattia Santori non è un cattivo ragazzo, è solo Scemo, perché non solo si è messo a fare il ridicolo dell’Italia intera, ma oramai va malissimo con tutto (tutto cosa?) e pensa di lasciare per darsi alla politica.

Laura dice che lo conosce, e ci racconta anedoti divertendi sull’acciuga a conferma che non batte del tutto pari. ( ma non possiamo pubblicarlo – scusaci )

Andrea invece ci racconta che è sempre stato un ragazzo incompreso (anche adesso non scherza diciamo noi) e che ha fatto una grande fatica ad integrarsi.

E qui parliamo noi: Il problema del capo delle acciughe e le loro acciughine, è che sono mossi dal solo odio per una persona (matteo salvini) che non conta nulla, in quanto non essendo al governo non può decidere niente.

Invece di proporre sono ossessionati, invece di proporre odiano. Non andranno lontano così.

Ecco perchè agli occhi di Andrea (che dice di essere un suo conoscente ma non amico) il sardino sembra più svampito del solito. (la sua faccia sembra davvero a forma di sardina diciamo noi)

Per inciso, le acciughe, per adesso “corrono” in piazza solo accecati dall’odio verso salvini, non hanno un progetto, non hanno un programma, non risolvono i problemi della gente ne tantomeno provano a parlare di cose utili e sensate.

Vanno in piazza con l’odio verso una persona e che oramai è diventata per le acciughe una vera e propria ossessione.

Ma Torniamo alla sardina principale MATTIA SARTORI e ascoltiamo che cosa ha da dirci ancora “Andrea B”

E’ antipatico a quasi tutti, o almeno a chi lo conosce, ma quello che fa davvero senso, è che non ci capisce niente di politica, ne si capisce che cosa vuol dire quando parla.
Nemmeno quando parla nei gruppi a dire il vero. (parla solo di Salvini)

Andrea ci dice che ogni volta che apre bocca, ha perso una grandissima occasione per stare zitto, così resterebbe più simpatico, perché quando da fiato alle trombe, non si capisce mai dove vuole andare a parare.

Tutto questo bel discorso di Andrea e un pò di Laura che lo conoscono (almeno così dicono) e dalla loro mail sembra proprio così perchè ci hanno raccontato anedoti che solo chi conosce l’acciuga può conoscere e dettagliare così….

…..Ne arriva un altra da Massimiliano che dice:

A me non interessa di Salvini, il Sartori va in piazza per farsi pubblicità, e l’unica cosa che accomuna le sardine è solo uno sconsiderato odio contro Salvini, come se Salvini fosse il padrone del mondo.

Inoltre, non si era mai visto scendere in piazza contro l’opposizione, sembra proprio che le sardine si siano mangiate le cellule celebrali con tutte le lische.

Hanno inventato l’odio, il razzismo, le discese in piazza contro i fantasmi che non esistono. Mi piacerebbe davvero sapere chi sono queste povere anime che si sono fatti manipolare da questo ragazzetto (MATTIA SARTORI – in arte belli capelli – così dicono)

Stefano B. Dice:

L’Odio ? Sono le sardine che seminano odio nelle piazze, che augurano la morte a salvini. Sono Le sardine che sono razzisti che non lasciano la libertà di pensiero e chi non la pensa come loro, diffamando e augurano la morte, altro che Salvini che ha fatto solo il suo dovere.

Diciamo noi:
Queste persone hanno un pò ragione, perché l’acciuga spera di ottenere un posto in politica, dato che dai racconti dei suoi conoscenti e amici, il lavoro va molto male, e francesco (un altra email arrivata ieri ndr) dice di averlo sentito dire questa frase:

– SE MI VA BENE QUESTA COSA, QUESTA VOLTA SVOLTO!
Complimenti alla nostra acciuga, noi speriamo sempre il meglio per le persone, anche chi semina odio nelle piazze Italiane.

Ma c’è la più arrabbiata di tutte (Elisabetta F) che ci racconta qualcosa di molto interessante.

Elisabetta ci dice che ha partecipato ad una riunione delle sardine (non ci ha detto in che città) e l’acciuga Sartori è arrivato in questa sala cinema (così ci dice elisabetta)

Alla riunione è venuto fuori che sono in accordo con la sinistra e in special modo con zingaretti, che a sua volta “ordina” su come comportarsi e le piazze da battere.

C’è stato poi una sorta di calendario, dove un’altra capetta (donna) ci spiegava le finalità del movimento.

In pratica, hanno ribadito che loro scendono nelle piazze per combattere salvini, “praticamente per combattere chi non conta, ovvero l’opposizione” (aggiungiamo noi)

E ancora elisabetta ci dice:

Distribuivano fischietti, tamburi, volantini con la scritta “no lega” o qualcosa del genere, e proprio Mattia Santori ha incentivato la sala e spiegato che occorre fare contestazione in ogni piazza dove c’è salvini.

A questo punto tutti facevano domande e io ho fatto la mia chiedendo:

Scusate, ma la finalità è solo contestare salvini nelle piazze dove va anche lui? non mi sembra un grande programma.

Mattia Santori in persona giuro mi ha detto: per adesso facciamo così, poi vedremo.

Un bel piano, ho risposto.

Nella  serata, continua elisabetta, hanno solo parlato di come gestire le piazze, ma non hanno affrontato i nostri problemi, le tante famiglie in difficoltà, non hanno parlato di rinnovabili, di petrolio, di occupazione, di senza tetto (che qui ce ne sono un bel pò), di dare appartamenti agli italiani piuttosto che agli stranieri, praticamente il nulla di nulla e di tanto in tanto veniva fuori tutto l’odio per Salvini e dicendo che bisogna far credere alla gente che c’è il pericolo che ritorni il fascismo. (ottima strategia diciamo noi)

Hanno parlato del piano strategico e di come esasperare la piazza, fomentando l’idea che occorre parlare di salvini che è un fascista, un razzista e che odia la gente. Proprio insegnavano questo. letteralmente proprio questo.

Sono restata allibita, e sono andata via prima della fine della riunione, e come me, almeno i 3/4 della sala. Secondo me i veri fascisti a sentire da come parlavano erano proprio quelli sul palco.

Grazie elisabetta, Grazie Laura, Grazie Massimiliano, Grazie Andrea e a tutte le decine di email che sono arrivate sul “CASO ACCIUGA”

Il nostro pensiero e ciò che emerge è:
L’acciuga ha un piano, quello di entrare in parlamento per prendersi i suoi bei 20,000€ al mese, questo è il piano di Mattia Santori, e la sinistra gli darà una mano per farlo eleggere alle prossime elezioni.

Come finale, le sardine fomentano l’odio, creano piani ad hoc per spargere il verbo
del razzismo e per far credere che ci sia il pericolo al ritorno al fascismo (o comunismo – vedi le foibe)

Creano piani malvagi per indicare che salvini è il male e le sardine il bene.

Quello che rimane è la povera gente che va in piazza credendo in questo bimbo M. dai capelli rivoltosi e pensano (sbagliando di brutto) che quel faccino pulito, li porti più serenità e ricchezza.

Inutile dire che si sbagliano
GoodDay

PS: Secondo noi, (dai racconti e dalle decine di email che ci sono arrivate) Mattia Sartori è un bugiardo, e fa solo i suoi sporchi interessi usando la povera gente e fomentando l’odio contro chi non la pensa come lui.

A nostro modesto parere, oltre che antipatico, è davvero un grande illusionista da far invidia ai “maghi del crimine”, resta solo un incolto ragazzo privo di esperienza, di studio, e di moralità.

Inoltre, non si capisce perchè cantano sempre “bella Ciao” come se ci fosse da liberare l’italia da qualcuno.

Ma forse si, forse hanno ragione, bisogna liberarsi al più presto dall’acciuga e i suoi poveri illusi.

W le acciughe...pardon, Sardine!

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Subscribe without commenting